Una passione tranquilla di Helen Simonson

Titolo: Una passione tranquilla

Autore: Helen Simonson

Editore: Piemme

Voto: 4 su 5

Sinossi (Piemme): “Ernest Pettigrew, ex maggiore dell’esercito britannico, è un uomo tutto d’un pezzo. Non perde tempo in frivolezze, né in inutili chiacchiere di paese. Ama la vita tranquilla, retta da valori solidi e intramontabili: decoro, senso del dovere e una tazza di tè fatto come Dio comanda. Ma la morte del fratello sembra aprire una breccia nel suo cuore, ed è allora che si abbandona all’amicizia per Jasmina Ali: la signora di origini pachistane che gestisce l’emporio del villaggio. Mentre tutti intorno a lui si perdono in convenevoli o in accese discussioni sull’eredità, lei lo conquista con la sua generosità spontanea e la sua schiettezza. Ad accomunarli non è solo lo stato civile (sono entrambi vedovi), ma anche la passione per la lettura. E così, il tè della domenica pomeriggio nella biblioteca del maggiore Pettigrew diventa ben presto un appuntamento fisso, atteso con trepidazione per tutta la settimana. Letto da Mrs Ali, Kipling è tutta un’altra cosa. Tuttavia, quando dalle amabili chiacchierate sui libri preferiti si accende qualcosa di più di una semplice amicizia, l’insolita coppia si ritrova al centro dei pettegolezzi e dei pregiudizi della piccola comunità di campagna. Perché, anche se Mrs Ali è nata a Cambridge e non si è mai spinta più in là dell’Isola di Wight, agli occhi di quel mondo chiuso resta sempre una straniera. Per non parlare del biasimo delle rispettive famiglie: il figlio del maggiore, preoccupato per la successione; il nipote fondamentalista di Mrs Ali, che vorrebbe relegare la zia alla cura della casa e dei parenti. A quel punto, starà al maggiore Pettigrew scegliere se piegarsi sobriamente alle tradizioni o combattere un’ultima, decisiva battaglia. Ma stavolta in nome dell’amore”.

Questo è il romanzo d’esordio di Helen Simonson, quindi precedente a “L’estate prima della guerra”, che ho letto e recensito non molto tempo fa e che è stato il  mio primo 5 da un po’ di tempo a questa parte. “Una passione tranquilla” è anch’esso un libro ben riuscito anche se, letto in coda all’altro, era quasi impossibile che lo superasse. Contiene già i germogli che verranno sviluppati nel successivo: la forma curata, dall’incedere elegante e pacato; i dialoghi arguti, in stile Lady Violet Crawley di Downton Abbey. Inoltre domina il tema della società e di quanto spesso siano futili le sue preoccupazioni e quanto possa essere ristretta la mentalità in un piccolo paese. Sono presenti il confronto tra vecchie e nuove generazioni, una riflessione sull’ambizione e i suoi rischi, alcuni riferimenti al rapporto tra religione e vita quotidiana.

“Lei è molto buona con me, Grace. E’ intelligente, attraente e rassicurante. E’ anche molto gentile e per niente pettegola. Qualunque uomo che non sia uno sciocco sarebbe felice di poterla avere accanto” lei rise, ma sembrava che avesse le lacrime agli occhi. ” Oh Ernest, credo che lei abbia appena elencato le migliori qualità di una perfetta vicina, e i peggiori attributi per una passione”.

Consigliato ad un pubblico femminile, “Una passione tranquilla” è un romanzo che merita e, avendo già letto il successivo, posso dire che l’autrice non si è poi smentita, anzi ha superato se stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *