Il tempo dell’attesa di Elizabeth Jane Howard

Titolo: Il tempo dell’attesa

Autore: Elizabeth Jane Howard

Editore: Fazi

Voto: 4 su 5

Sinossi (Fazi): “È il settembre del 1939, le calde giornate scandite da scorribande e lauti pasti in famiglia sono finite e l’ombra della guerra è sopraggiunta a addensare nubi sulle vite dei Cazalet. A Home Place, le finestre sono oscurate e il cibo inizia a scarseggiare, in lontananza si sentono gli spari e il cielo non è mai vuoto, nemmeno quando c’è il sole. Ognuno cerca di allontanare i cattivi pensieri, ma quando cala il silenzio è difficile non farsi sopraffare dalle proprie paure.
A riprendere le fila del racconto sono le tre ragazze: Louise insegue il sogno della recitazione a Londra, dove sperimenta uno stile di vita tutto nuovo, in cui le rigide regole dei Cazalet lasciano spazio al primo paio di pantaloni, alle prime esperienze amorose, a incontri interessanti ma anche a una spiacevole sorpresa. Clary sogna qualcuno di cui innamorarsi e si cimenta nella scrittura con una serie di toccanti lettere al padre partito per la guerra, fino all’arrivo di una telefonata che la lascerà sconvolta. E infine Polly, ancora in cerca della sua vocazione, risente dell’inevitabile conflitto adolescenziale con la madre e, più di tutti, soffre la reclusione domestica e teme il futuro, troppo giovane e troppo vecchia per qualsiasi cosa. Tutte e tre aspettano con ansia di poter diventare grandi e fremono per la conquista della propria libertà. Insieme a loro, fra tradimenti, segreti, nascite e lutti inaspettati, l’intera famiglia vive in un clima di sospensione mentre attende che la vita torni a essere quella di prima, in quest’indimenticabile ritratto dell’Inghilterra di quegli anni. E ormai è difficile abbandonarli, questi personaggi: con loro sorridiamo, ci emozioniamo e ci commuoviamo nel nuovo appassionante capitolo della saga dei Cazalet”.

Questo è il secondo volume della saga della famiglia Cazalet. E’ ambientato prevalentemente nel 1940, quindi in piena Seconda Guerra Mondiale, e riprende le vicende di tutti i membri della famiglia che ormai vivono nel Sussex con Edward e Hugh che fanno la spola con Londra per gestire l’attività. In realtà Edward, che stimola sempre di più la mia disapprovazione, nel Sussex ci sta ben poco e la povera Villy soffre per la distanza sempre più profonda che la separa dal marito. Per compenso, troviamo un ritratto di vero amore coniugale in Hugh e Sybil, che sono tra i miei personaggi preferiti insieme alla figlia Polly. In questo volume grande attenzione viene data alle tre ragazze Louise, Polly e Clary, che di fatto stanno attraversando una delle fasi più difficili della loro vita. In particolare Polly e Clary vengono invitate dalla loro insegnante a tenere un diario e ne troviamo dei frammenti nel libro. Louise invece insiste nel voler inseguire la carriera teatrale perché, a differenza delle altre donne della sua famiglia, lei non vuole accontentarsi del ruolo che le vorrebbero attribuire.

“La sua famiglia era così mediocre! Non erano interessanti come i Rose. Si limitavano ad infilare un giorno dietro l’altro senza che accadesse mai niente: non andavano all’estero, e se non fosse stato per loro lei avrebbe girato in lungo e in largo, per accumulare esperienze importanti. Invece no. Tutto quello che facevano i Cazalet era sposarsi, andare in ufficio e mettere al mondo figli. Non s’interessavano nemmeno lontanamente alle arti, con l’eccezione, dovette ammetterlo, della musica. Ma quando era stata l’ultima volta che sua madre aveva letto un dramma di Shakespeare? O di chiunque altro? Suo padre, poi, lui non leggeva affatto. Era incredibile come riuscisse a procedere nella vita senza alcun tipo di nutrimento intellettuale”.

In effetti suo padre, che è Edward, potrebbe leggere di più e rincorrere le gonnelle un po’ di meno 🙂 Ormai conosco tutti i personaggi ed è un po’ come seguire la storia di un gruppo di vecchi amici, ai quali vorrei dare consigli e metterli in guardia quando stanno per superare il limite. Ora sono pronta a passare al volume successivo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *