Vorrei incontrarti ancora una volta di Kate Eberlen

Titolo: Vorrei incontrarti ancora una volta

Autore: Kate Eberlen

Editore: Garzanti

Voto: 2.5 su 5

Sinossi: “Dicono che il destino, come un abile prestigiatore, decida chi entrerà nella nostra vita. E per Tess e Gus, due diciottenni desiderosi di cogliere tutto quello che il futuro ha da offrire, il destino si presenta sotto forma di un incontro tanto casuale da essere indimenticabile. In una calda mattina estiva, nella basilica di San Miniato al Monte a Firenze, i loro sguardi si incrociano per la prima volta. È questione di un attimo fugace. Qualche parola sussurrata nel silenzio. Un sorriso rubato, forse promessa di un domani insieme. Ma le loro strade si dividono con la stessa fugacità con cui si erano sfiorate. Tess è costretta a crescere prima del previsto: abbandona il suo sogno di diventare una scrittrice per prendersi cura della sorellina. Gus finisce intrappolato in una vita che non gli appartiene rinunciando all’arte che ama tanto. Entrambi sono andati avanti e sembrano essersi lasciati alle spalle quell’estate toscana. Eppure, il destino  nel corso del tempo li fa incontrare di nuovo. Sempre per brevi istanti di silenziosa perfezione dove tutto torna a essere possibile. Poi, li allontana di nuovo.
Fino a quando, un giorno di molti anni dopo, sono di nuovo là dove tutto è cominciato. Oggi come allora, a separarli qualche metro di distanza. Una distanza che forse non è più incolmabile. Perché le loro sono due vite parallele con un unico destino: incontrarsi per sempre”.

Sono costretta ad essere ripetitiva e a tornare sull’argomento “personaggi femminili”: anche qui NCS (non ci siamo…), troppo melodrammatica e pessimista, perfetta portavoce dell’idea “se un romanzo non contiene una sufficiente quantità di sfortune, allora non ha spessore”. Promossi invece la trama, non banale e adeguatamente articolata, e l’ambientazione (in particolare Firenze), bene caratterizzata e suggestiva.  Anche questa lettura da ombrellone, tanto più che è parzialmente ambientata in estate.

Lo so, penserete che in questo periodo di assenza io mi sia strafogata di romanzi rosa, in realtà ho avuto e ho attualmente pochissimo tempo per leggere e mi sono concessa letture poco impegnative. Ho una pila cartacea e digitale di libri che mi attendono, senza contare i testi universitari. Cercando di essere un personaggio femminile contro corrente, vi dico che ce la farò a far tutto e, dovessi metterci dieci anni, arriverò anche alla seconda laurea! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *